AGI.it – L’ex membro dei Proletari Armati per il Comunismo deve scontare quattro condanne per omicidio. Dal 2004 vive in Brasile, dove Lula gli concesse lo status di rifugiato. Ma ora, con l’elezione di Bolsonaro, dovrebbe arrivare l’estradizione


Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *