Presidente de El Salvador

(Roma, 12 ottobre 2018) Sabato 13 ottobre alle ore 11.00 di mattina, nel Giardino  “El Salvador” (Viale Egeo) nella zona EUR di Roma, si svolgerà lo scoprimento della scultura di Monsignor Oscar Arnulfo Romero che sarà canonizzato dal Papa Francesco il giorno seguente. Lo ha indicato oggi un comunicato delle ambasciate in collaborazione con l’ IILA.

  • Diverse entità e istituzioni locali e straniere, il governo di El Salvador, la Fondazione Romero, così come le comunità salvadoregne residenti in Italia, Canada, Stati Uniti, Europa e America Latina, hanno partecipato e supportato il progetto. gruppo residente nell’Italia settentrionale, nonché l’ufficio del sindaco di Roma, la Soprintendenza Capitolina, l’Organizzazione internazionale italo-latino americana, IILA, l’Università di Roma Tre e il Centro Schuster, tra le altre istituzioni e persone che hanno collaborato per rendere possibile tutto questo.

All’evento parteciperanno l‘Eccellentissimo Presidente della Repubblica di El Salvador Salvador Sánchez Cerén, il ministro degli Affari Esteri della Repubblica di El Salvador, Carlos Alfredo Castaneda, la sindaca di Roma Virginia Raggi, l’ambasciatore della Repubblica di El Salvador presso l’Italia Sandra Elizabeth Alas Guidos e  l’ambasciatore della Repubblica di El Salvador presso la Santa Sede Manuel Roberto López.

Entrambe le Ambasciate hanno lavorato congiuntamente con le rispettive istituzioni per il successo di questo evento. Inoltre, all’evento parteciperanno il Corpo Diplomatico e Consolare accreditato, autorità del Governo di El Salvador, familiari e fratelli di Monsignor Romero. Parteciperanno inoltre i membri della Comunità Salvadoregna in Italia e i pellegrini che sono giunti a Roma da diverse parti del mondo per questo evento.

La scultura è stata realizzata da Guillermo Perdomo.  L’artista è nato a Santa Tecla, La Libertad (El Salvador) il 14 febbraio 1970, ha ottenuto diversi premi e riconoscimenti nazionali e internazionali. Perdomo ha partecipato a mostre individuali e collettive in Europa, Stati Uniti e in Centroamerica.  

L’inziativa è nata con la finalità di rafforzare i legami dei cittadini salvadoregni residenti in Italia, oltre 40.000 persone, con le loro radici attraverso il riscatto della memoria storica, culturale e spirituale. In tale ambito, Monsignor Romero non è soltanto un referente storico, è soprattutto una Guida Spirituale di El Salvador, così come un referente per i Diritti Umani. Per quanto sopra esposto, si è proposto di collocare una scultura in bronzo di Monsignor Oscar Romero come omaggio degno alla sua vita, tenendo conto che a Roma esiste un Giardino chiamato El Salvador.


Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *